Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

25 anni dalla parte di bellezza e ambiente, da Giornate Fai segnale importante per l'Italia e l'Europa

Roma, 24 marzo 2017


“La bellezza, i beni storico artistici, i tesori ambientali, sono tra le radici più profonde e feconde della nostra identità e della competitività della nostra economia. Bisogna scommettere sulla valorizzazione di questo straordinario tesoro  per il futuro del Paese e, in particolare, dei territori colpiti dal sisma.  E’ anche questo il segno delle Giornate di Primavera del FAI, che sabato 25 e domenica 26 apriranno agli italiani 1.000 siti in 400 diverse località e con questa edizione festeggeranno i 25 anni. Una iniziativa che  richiama anche i valori fondativi dell'Europa e ci aiuta a ricordare le radici della nostra identità comune, quello che l'Unione Europea dovrebbe essere: “spazio privilegiato della speranza umana” come evocato nel preambolo della incompiuta Costituzione europea del 2005.
Quanto sia preziosa l’opera di custodia e promozione dei beni culturali, artistici e ambientali del Fondo Ambiente Italiano lo dimostra il successo di queste "giornate", che in questi anni hanno totalizzato oltre 9 milioni di visitatori. E quanto siano importanti i beni culturali per la nostra identità e per la nostra economia ce lo ricordano, drammaticamente, anche i pesantissimi danni dovuti al terremoto subiti dai tesori storico-artistici di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. 
Dalla volontà di ripristinare quei beni e quei luoghi nasce, a partire da una mia proposta condivisa all’unanimità in Commissione Ambiente, una delle misure più rilevanti della conversione in legge del decreto terremoto approvata ieri dalla Camera: la destinazione, per 10 anni, della quota dell’8x1000 dello Stato per la conservazione dei beni culturali,  alla ricostruzione e al restauro dei tesori storico-artistici danneggiati dal sisma. Dalla tragedia e dalla necessità nasce un’opportunità  per il lavoro, le imprese, le università.  Un grande laboratorio, un distretto di restauro, cultura e innovazione diffuso sul territorio; importante per l’Italia e l’Europa. Un segnale importante di fiducia e di speranza nel futuro”, lo afferma Ermete Realacci, Presidente della VIII Commissione Ambiente della Camera, inviando il proprio augurio all’edizione 2017 delle Giornate di Primavera del FAI.

Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 24/3/2017 alle 10.14 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web