Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Dati Aea su morti da inquinamento sono ulteriore stimolo a battersi per il successo della COP21

Roma, 30 novembre 2015

 

"I terribili dati diffusi dall’Agenzie europea dell'ambiente sul legame tra smog e morti premature, in particolare in Italia, sono un ulteriore stimolo a ridurre le emissioni puntando su rinnovabili, efficienza energetica e mobilità sostenibile.  Nel rapporto Aea si parla di 84.400 morti premature per l’inquinamento nel 2012 in Italia. È una situazione purtroppo nota da tempo, che ci deve spingere a sostenere seriamente una decisa riduzione delle emissioni di CO2 al vertice Onu sul Clima inaugurato proprio oggi a Parigi.

Le misure per ridurre gli inquinanti dovuti soprattutto al traffico e al riscaldamento  coincidono in larga parte infatti con quelle che aiutano a ridurre la emissioni di gas serra. Non si può che partire, oltre che dalle fonti rinnovabili, da un potenziamento del trasporto pubblico, dalla scommessa su mezzi più puliti e da una maggiore efficienza nel riscaldamento.

Per questo cercheremo nel passaggio della Legge di Stabilità alla Camera di rafforzare l’ecobonus. Una misura che ha già dimostrato la sua efficacia nella riduzione dei consumi energetici e dell’inquinamento, oltre che delle bollette".

Lo afferma Ermete Realacci, presidente della VIII Commissione Ambiente della Camera, commentando i dati sull’inquinamento e le morti a questo correlate diffusi dall’Agenzia Europea dell’Ambiente.


Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 30/11/2015 alle 10.26 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web