Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Serve controllo indipendente sulle opere, dubbi su privatizzazione Anas

Dall’incredibile vicenda del crollo della rampa di accesso al viadotto Scorciavacche della Agrigento-Palermo, nonostante il presidente Anas Ciucci oggi in audizione alla VIII Commissione Ambiente della Camera abbia voluto dare segnali di rassicurazione, emergono serie problematiche generali legate alle questioni della gestione dei lavori pubblici e dei controlli. Un problema sottolineato anche dalla stampa, che ha recentemente diffuso una perizia del 2008 in cui già si definiva l’area del viadotto siciliano come franosa. 

Dal caso siciliano emergono criticità dovute anche all’eredità della Legge Obiettivo che prevede che il direttore dei lavori venga deciso dal general contractor. Al contrario il direttore dei lavori, specie nella realizzazione di opere pubbliche, dovrebbe essere un soggetto terzo. Esigenza riconosciuta oggi dallo stesso presidente dell’Anas. Più in generale nella normativa sugli appalti bisogna ridurre la parte burocratica e finanziaria a favore della qualità delle opere. In una battuta: nella realizzazione delle opere si dia più spazio a ingegneri, architetti e geologi, meno ad avvocati e burocrati. Anche a questo devono servire il recepimento delle normative europee e la semplificazione delle normative sugli appalti. Un caso come quello siciliano non è accettabile, tanto più in un paese in cui ancora oggi usiamo ponti e strade romane costruiti 2000 e passa anni fa.

 In merito all’ipotesi di privatizzazione bisogna ricordare che in Anas sono compresenti compiti di natura privata e funzioni pubbliche essenziali, come l’indizione e la gestione delle gare, i controlli, la manutenzione delle rete viaria, che è bene rimangono tali. Per non essere reticenti: ho forti dubbi sulla privatizzazione, l’Anas non può essere un ircocervo, sarebbe necessario come minimo separare gli ambiti. Anche per evitare ad esempio che i casi di fallimento del project financing come quello della BreBeMi siano direttamente o indirettamente a carico del pubblico”, così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commentando l’audizione del presidente dell’Anas Ciucci alla VIII Commissione Ambiente della Camera

Pubblicato il 15/1/2015 alle 13.42 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web