Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Condono in Campania, con impugnativa legge Campania da Governo giusta risposta a ennesimo tentativo di sanatoria

Roma, 7ottobre 2014 

 

“Impugnando la legge regionale dellaCampania che riapre fino a tutto il 2015 i termini degliultimi condoni edilizi nazionali per la Campania, il Governo hadato ieri la giusta risposta a questo ennesimo e irresponsabile tentativo disanatoria. Se non fosse stata impugnata, la legge avrebbe mandato un pesantesegnale di tana libera tutti al Paese, ‘regalato’ nuovi pesanti colate dicemento alla Campania senza  risparmiare neanche le zone maggiormentevulnerabili come la Penisola Sorrentino-Amalfitana e il Vesuvio, foraggiando leecomafie. Ricordo infatti che il solo effetto annuncio dei condoni falievitare il cemento abusivo: nel 2003 generò ben 40 mila nuove case illegali,con un incremento della produzione abusiva superiore al 41% tra 2003 e 2001. Ecome se non bastasse l’abusivismo alimenta una vera e propria filiera delcemento illegale, non a caso l’81% dei Comuni sciolti per infiltrazioni mafiosein Campania dal 1991 a oggi vede tra le motivazioni un diffuso abusivismoedilizio, speculazioni immobiliari e pratiche di demolizione inevase. Peraltro,come denunciato da Legambiente, con 838 reati accertati (oltre il 15% deltotale nazionale), 952 persone denunciate e 300 sequestri la Campaniaguida la classifica nazionale dei reati legati al ciclo del cemento” cosìErmete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e LavoriPubblici della Camera, plaudendo all’iniziativa del governo che ieri in CdM haimpugnato la legge regionale della Campania che l’ennesima sanatoria ediliziache arriva dalla Campania.



Ufficio stampa On. Realacci

 

 

Pubblicato il 7/10/2014 alle 10.41 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web