Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Ilva, senza risorse, tempi e responsabilità certi sul risanamento ambientale il decreto è assolutamente inadeguato

Roma, 11 luglio 2014


“La versione finale del decreto sull’Ilva va ovviamente letta con grande attenzione, ma ciò che è apparso sugli organi di informazione non è rassicurante. Non è chiaro perché non si è dato corso alla legge attualmente in vigore che prevede che le risorse per il risanamento ambientale, pari ad almeno 1.800 milioni di euro, possano essere prelevate anche dai beni sequestrati alla famiglia Riva. Se non sono garantiti risorse, tempi  e responsabilità certi sul risanamento ambientale, che non può essere assolutamente separato dal futuro produttivo dell’impianto, non credo che il Parlamento possa convertire nella versione attuale il provvedimento. L’annunciata rinuncia del sub-commissario ambientale Edo Ronchi rappresenta inoltre un pessimo segnale”, così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commenta il provvedimento sull’Ilva varato ieri dal Consiglio dei Ministri.



Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 11/7/2014 alle 8.44 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web