Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Bene export vino, quando l'Italia fa l'Italia è forte nel mondo

Roma, 4 aprile 2014 


“Il vino made in Italy è più forte della crisi. Nel 2013, come testimoniano i dati elaborati da Mediobanca in vista del Vinitaly, ha visto un aumento del fatturato del 4,8% e una crescita dell'export del 7,7% che lo confermano come settore trainante del nostro agroalimentare. Un successo costruito puntando sulla qualità, sul legame con i territori e sulla vocazione nazionale all’eccellenza. Rispetto agli anni ’80 del secolo scorso, ossia prima dello scandalo etanolo, oggi produciamo il 50% in meno di vino, ma abbiamo fatto in termini qualitativi un balzo in avanti impressionante. E se prima il vino italiano andava all’estero come vino da taglio per prodotti più pregiati, come quelli francesi, oggi, invece, ad essere apprezzata è proprio la sua italianità. Tanto è vero che siamo passati da un giro d’affari di 700 milioni di euro ai 5,6 miliardi del 2013. Per affrontare la crisi l’Italia deve scommettere su ciò che la rende unica nel mondo: cultura, bellezza, qualità, conoscenza, innovazione, territorio e coesione sociale. L’Italia, insomma,  è forte se fa l’Italia” , lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, a due giorni dall’apertura del Vinitaly di Verona.


Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 4/4/2014 alle 10.11 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web