Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

8 marzo, tante donne protagoniste della green economy italiana

Roma, 7 marzo 2014


“La green economy italiana è anche rosa, e non poco. Non solo perché un settore in cui proprio la sostenibilità sta giocando un ruolo anticrisi, l’edilizia,vede un ruolo trainante delle donne, ma perché molte delle aziende più innovative sul profilo della sostenibilità sono guidate da donne. La sola voce in attivo nell’edilizia sono le riqualificazioni - molte delle quali grazie all’ecobonus puntano a rendere più efficienti gli edifici - che hanno fatto registrate una crescita del 12,6% dal 2008 al 2013, a fronte del crollo del 30% degli investimenti complessivi, e oggi il relativo giro d’affari rappresenta il 65% dell’intero fatturato del comparto. Non è un caso, dunque, se mentre il valore aggiunto prodotto della green economy a livello nazionale – come rilevano Fondazione Symbola e Unioncamere in GreenItaly 2013 - è pari al 10,6% del totale, nelle costruzioni si arriva al 24,2%, più del doppio. Ed è proprio in questo settore di punta che le donne hanno un ruolo da apripista:  se guardiamo le start-up (nuove imprese iscritte nel primo semestre 2013) nelle costruzioni e nell’ immobiliare tra quelle a guida femminile è green il 37,4%, tra quelle maschili il 28,2%”, così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera, alla vigilia dell’8 marzo. Per ricordare alcune tra le esperienze più innovative dell’edilizia green declinata in rosa raccolte dal rapporto GreenItaly si possono citare Stone italiana, Edilana, Equilibrium, o il Laboratorio di architettura ecologica.



Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 7/3/2014 alle 16.35 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web