Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Fare luce sul nuovo sospetto caso di bracconaggio nel Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise


Roma, 10 ottobre 2013


Il presidente della Commissione Ambiente della Camera presenta un’interrogazione al ministro dell’Ambiente


“Nuovo sospetto caso di bracconaggio nel Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise: nei giorni scorsi alcuni articoli di stampa davano notizia del ritrovamento di un esemplare di orso marsicano morto nel bosco della Difesa, nella zona dei Prati d'Angro, sembra per avvelenamento. Si tratterebbe quindi di un nuovo caso di bracconaggio nel Parco dopo quello dell’Orso Stefano, ucciso a luglio, di cui mi ero già interessato con un atto di sindacato ispettivo rimasto al momento senza risposta. Per fare luce sul fatto ed evitare che in futuro si ripetano gravi atti di bracconaggio, ho presentato una interrogazione al ministro dell’Ambiente chiedendo se sia a conoscenza del ritrovamento del prezioso esemplare di fauna protetta. Un caso che, se fosse accertata la natura dolosa, si potrebbe configurare  come un nuovo gesto intimidatorio nei confronti dell'Ente Parco. Al ministro interrogato ho inoltre chiesto quali iniziative urgenti, di concerto anche con l’Ente parco, il Corpo Forestale dello Stato e  il NOE Carabinieri, intenda mettere in campo per chiarire l’accaduto e, nel caso, individuare i responsabili”, così Ermete Realacci, presidente Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, depositando un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Ambiente Andrea Orlando sul ritrovamento di un esemplare di orso marsicano morto nel Parco Nazionale di Abruzzo Lazio e Molise.


Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 10/10/2013 alle 11.48 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web