Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Costa Concordia: ritardi preoccupanti nella rimozione relitto

Necessario prorogare stato emergenza sul Giglio

Roma, 7 gennaio 2013


“A un anno esatto dal tragico naufragio della Costa Concordia nelle acque del Giglio, la rimozione del relitto procede con preoccupanti ritardi tanto che la Costa Concordia si trova ancora di fronte a Giglio Porto. E’ necessario dare una decisa accelerata sulla rimozione del relitto della Costa Concordia dalle acque dell’Arcipelago Toscano e ripristinare quindi lo stato dei luoghi a tutela dell'ecosistema marino. Per una positiva conclusione della vicenda è importante ci sia piena collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte ed è prioritario realizzare con la massima rapidità tutti gli interventi annunciati e programmati per la rimozione in sicurezza de relitto. Ma proprio per fare presto e bene e rimuovere finalmente la nave Concordia che mette a rischio l’ecosistema dell’Arcipelago Toscano e deturpa il panorama del Giglio, è necessario mantenere lo stato di emergenza sulla vicenda e prorogare la nomina di Gabrielli come commissario delegato per il recupero e il trasferimento della nave. Un fatto non scontato, visto che la riforma della Protezione Civile entrata in vigore in luglio non consentirebbe ‘di regola’ proroghe oltre i 60 giorni alla scadenza delle ordinanze”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd, sui preoccupanti ritardi nella rimozione del relitto della Costa Concordia.



Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 7/1/2013 alle 13.40 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web