Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

PiĆ¹ controlli per tutelare olio extravergine italiano

Roma, 12 ottobre 2012

L’esponente del Pd presenta una nuova interrogazione parlamentare al ministro dell’Agricoltura

“Per garantire la giusta valorizzazione, la trasparenza in etichetta e l’adeguata tutela dalle frodi alimentari e dalle contraffazioni di prodotti di punta dell’agroalimentare italiano, quali l’olio extravergine di oliva, ho presentato un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Agricoltura Mario Catania. Il made in Italy, infatti, è un marchio che fa volare le vendite e l’export, tanto più nel settore agroalimentare, ma che proprio per la sua potenzialità si rivela particolarmente esposto alle frodi e alle contraffazioni. Al ministro chiedo pertanto quali misure intenda adottare per assicurare l’effettiva e uniforme applicazione sul territorio nazionale delle norme vigenti sulla designazione dell’origine dell’olio extravergine, e quali misure intenda mettere in campo per garantire un adeguato ed efficiente sistema di controlli su tutta la filiera dell’olio italiano di qualità”, lo dichiara Ermete Realacci, responsabile Green economy del Pd, annunciando la presentazione di un’interrogazione parlamentare per la tutela degli olii di qualità.

“L'Italia  - prosegue Realacci - è il secondo produttore ed esportatore in Europa e nel mondo di olio di oliva, con una produzione nazionale media di oltre 464.000 tonnellate, due terzi dei quali extravergine e con oltre 40 denominazioni d’origine protetta. L’olivicoltura italiana rappresenta evidentemente un settore produttivo strategico per il made in Italy e per l’economia locale, ma anche un prodotto esposto al rischio di frodi. Come dimostrano le tante notizie riportante dalla stampa sulle frodi alimentari. E’ quindi indispensabile tutelare l’olio extravergine di oliva dalle frodi e dalle contraffazioni alimentari, anche  al fine di tutelare le imprese agricole italiane dalla concorrenza non sempre leale sul mercato di olio proveniente da altri paesi mediterranei. Proprio a questi obiettivi mira anche l’importante iniziativa Genus Olei – nata per far conoscere meglio le qualità degli oli italiani, nonché per costruire un’alleanza tra i consumatori e i produttori impegnati a difendere l’eccellenza del nostro patrimonio olivicolo nazionale - promossa da Coldiretti, Fondazione Symbola e Unaprol”. 

Il testo dell'interrogazione è disponibile al seguente link

 
Ufficio stampa On. Realacci

Pubblicato il 12/10/2012 alle 18.17 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web