Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

L'economia verde è la via per combattere la crisi

Roma 4 giugno 2012

Giornata mondiale dell'Ambiente


“Domani si celebra la quarantesima edizione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Una buona occasione per ricordare che quella della green economy è un’idea di futuro per l’economia, la società, la politica.”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del PD, alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2012

“La crisi finanziaria”, aggiunge Realacci, “è una questione ineludibile che va affrontata con rigore. Ma dobbiamo anche indicare una strada per il futuro, per far ripartire il paese. E quella della green economy è una prospettiva credibile per superare la crisi, è la via che può cambiare l’Italia. Non parliamo di un settore legato esclusivamente ai comparti tradizionalmente ambientali – come per esempio il risparmio energetico, le fonti rinnovabili o il riciclo dei rifiuti – ma un vero e proprio “filo verde”, che attraversa e innova anche i settori più maturi della nostra economia, perché la peculiarità della green economy italiana sta proprio nella riconversione in chiave ecosostenibile dei comparti tradizionali dell’industria italiana di punta, tanto che già oggi interessa il 23,9% delle imprese che negli ultimi tre anni hanno investito in tecnologie e prodotti green e coinvolge tutte le regioni italiane”. (vedi tabella)

“Pensiamo al solo settore dell’edilizia”, prosegue Realacci, “dove l’eco-bonus del 55% si è dimostrato un caso di grande successo: oltre 1.400.000 interventi, 17 miliardi di euro complessivi di investimento, ha interessato soprattutto piccole e medie imprese nell’edilizia e nell’indotto e ha attivato ogni anno di oltre 50 mila posti di lavoro. Ha rappresentato, inoltre, lo strumento più efficace e virtuoso in tema di sostenibilità ambientale, di sostegno del mercato dell’edilizia di qualità e di risparmio di emissioni di CO2. Se stabilizzato ed esteso anche anche al consolidamento antisismico degli edifici potrebbe rappresentare un volano per l’economia del settore ed attivare fino a 100 mila posti di lavoro”.

 

Graduatoria decrescente delle regioni italiane numero di imprese che hanno investito in prodotti e tecnologie green

Regioni   -  Imprese (v.a.)*

LOMBARDIA 69.330
VENETO 35.250
LAZIO  30.240
EMILIA-ROMAGNA 29.040
CAMPANIA  28.710
PIEMONTE  26.680
TOSCANA   26.140
PUGLIA    23.310
SICILIA   21.730
MARCHE    11.010
LIGURIA    10.150
TRENTINO-A.A.  9.420
ABRUZZO    9.110
SARDEGNA   8.790
CALABRIA   8.480
FRIULI-V.G.  8.090
UMBRIA   5.590
BASILICATA  3.190
MOLISE  2.020
VALLE D'AOSTA  1.190
ITALIA  367.430 


Ufficio stampa On. Relacci

Pubblicato il 4/6/2012 alle 14.4 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web