Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Rinnovabili: ministero Ambiente recepisca correzione decreti da Stato-Regioni

“E’ molto complicato pensare di fare ripartire il Paese e poi non investire in innovazione, sulle fonti pulite, sulla green economy. Ci auguriamo che il Ministero dell’Ambiente si adoperi, come affermato oggi nel corso del question time in Commissione Ambiente della Camera, a prendere in considerazione i miglioramenti ai decreti sulle rinnovabili che scaturiranno dalla Conferenza Stato Regioni”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile green economy al termine del question time alla Camera a seguito dell’interrogazione presentata insieme ai parlamentari del PD Mariani, Bratti, Margiotta, Iannuzzi, Braga e Viola.

“Molte delle misure previste dai recenti Decreti sulle rinnovabili”, spiega Realacci, “tendono gratuitamente a scoraggiare il settore anche con vessatori appesantimenti burocratici. Ad esempio per il fotovoltaico, la prevista soglia dei 12 Kwp per l’iscrizione al registro mette a rischio lo sviluppo di tante aziende innovative; non viene confermato il sistema autoregolante di riduzione delle tariffe già previsto nel IV Conto Energia; è stato addirittura soppresso il premio automatico in tariffa per gli impianti installati su coperture bonificate dall’amianto e da ultimo la drastica riduzione del budget non garantisce continuità al mercato. Le fonti rinnovabili possono fornire in Italia già dal 2020 un contributo al fabbisogno energetico generale, ed elettrico in particolare, molto più elevato di quello prima preventivato, oltre a costruire un sistema elettrico più competitivo, libero e aperto.”

 
Ufficio stampa On. Realacci
 

Pubblicato il 19/4/2012 alle 16.41 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web