Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Europee, ripartire dall'ambiente

Roma, 8 giugno 2009 
 
“In una competizione elettorale molto aspra in cui il Partito Democratico era chiamato a una verifica difficile, il risultato che ci consegnano le urne è più che positivo, confortato anche dalla battuta d’arresto dell’ondata berlusconiana. Queste elezioni europee hanno segnato in tutta Europa un momento di grave difficoltà delle forze progressiste e riformiste e in questo quadro il risultato conseguito dal Pd, unico partito di questo segno ad aver tenuto tra i grandi paesi dell'Unione, conferma la validità del nostro progetto e indica limpidamente la strada per costruire un’alternativa valida per il nostro paese. Aprire ad una nuova cultura, superare gli schemi del passato, chiamare a raccolta le migliori energie del paese per scommettere sul futuro”, lo afferma Ermete Realacci, responsabile ambiente del Partito Democratico, commentando i risultati delle elezioni europee.
 “Queste elezioni europee”, aggiunge Realacci, “sono state anche segnate dal successo delle forze ambientaliste di nuovo segno come quella di Daniel Cohn-Bendict in Francia e dall’opportunità di utilizzare proprio la questione ambientale come chiave di volta per affrontare la crisi e dare nuovo vigore all’economia. Insomma, se fossi stato un elettore francese probabilmente avrei votato per il partito di Cohn-Bendict. Del resto sono di questo orientamento i chiari segnali che arrivano anche dalla leadership d’oltre oceano e che il Pd, non solo ha colto sin dalla sua nascita,  ma che non potrà che confermare in futuro.” 
 
Ufficio Stampa On. Realacci

Pubblicato il 8/6/2009 alle 13.2 nella rubrica Comunicati Stampa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web