Blog: http://ermeterealacci.ilcannocchiale.it

Rifiuti, tutti gli incenitori made in Italy

Roma, 25 marzo 2009. Il numero degli impianti di incenerimento attivi in Italia per i rifiuti nel 2007 ha subito una leggera flessione, passando da 50 a 47, per il fermo impianto, per diverse cause, di tre di essi. Questo quanto emerge dall'ultimo 'Rapporto rifiuti' dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).
Il 60% degli impianti operativi di incenerimento rifiuti e' localizzato nel nord Italia, dove su 28 impianti, 3 sono in Lombardia e 8 in Emilia Romagna. Nelle regioni del centro ci sono 12 impianti: 7 in Toscana, 3 nel Lazio e uno rispettivamente nelle Marche e in Umbria. I restanti sette impianti sono localizzati in Puglia (1), Basilicata (2), Calabria (1), Sicilia (1) e Sardegna (2). Per quanto riguarda gli impianti non operativi, quello di Potenza e' ancora in fase di collaudo, quello di Taranto risulta fermo per problemi di carattere tecnico-gestionale, mentre per l'impianto di Verona (fermo dal 2006) si e' in attesa di una eventuale riconversione tecnologica degli attuali forno a 'letto fluido'. L'impianto di Siena dovrebbe invece essere riattivato entro fine anno, dopo una serie di interventi di ristrutturazione.
Secondo il rapporto Ispra, per quanto riguarda gli impianti pianificati o in costruzione, nel Lazio sara' operativo, probabilmente entro il 2009, il gassificatore di Roma-Malagrotta e verra' potenziato l'impianto di S. Vittore del Lazio con la costruzione di una seconda linea capace di 102.700 tonnellate di Cdr. In Campania domani verra' inaugurato l'impianto di Acerra. Nel 2007, anno su cui si basa il rapporto Ispra, i rifiuti complessivamente inceneriti negli impianti per il trattamento dei rifiuti urbani ammontano a circa 4,5 milioni di tonnellate, di cui 3,5 di indifferenziati, 319 mila tonnellate di frazione secca da trattamento meccanico-biologico, 661 mila tonnellate di Cdr, 489 mila tonnellate di altri rifiuti speciali e 36 mila tonnellate di rifiuti sanitari. I rifiuti pericolosi trattati sono oltre 66 mila tonnellate, costituiti in gran parte da rifiuti del settore sanitario e ospedaliero.

Fonte: Ansa
25 marzo 2009

Pubblicato il 26/3/2009 alle 11.18 nella rubrica News.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web