.
Annunci online

condividi:

Che fine ha fatto la relazione annuale sul programma nazionale di prevenzione dei rifiuti?

Roma, 9 febbraio 2015


“Oltre che per la tutela dell'ambiente, la corretta gestione e la prevenzione dei rifiuti sono settori strategici per ripensare in chiave green la nostra economia e guardare con fiducia al futuro. Non a caso l’Europa si è posta l’obiettivo di avviare entro il 2020 politiche di prevenzione dei rifiuti e di arrivare almeno al 50% di riciclo e riuso dei rifiuti domestici. L’Italia ha recepito le normative europee in materia (direttiva 2008/98/CE) con il Codice dell’Ambiente che prescrive che il Ministero dell’Ambiente metta a punto un programma nazionale di prevenzione dei rifiuti e che, a partire dal 2013, invii alle Camere entro il dicembre di ogni anno una relazione con l’aggiornamento di tale programma e  con i risultati raggiunti. A tutt’oggi, però, la relazione  non è stata ancora presentata. Ho quindi  depositato una interrogazione sottoscritta anche dai colleghi Bratti e Carrescia  per sollecitare il ministero su questo fronte  e capire quali iniziative urgenti intenda mettere in campo per fare si che tale relazione sia sollecitamente trasmessa alle Camera”.  Questo quanto afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, depositando una interrogazione al ministero dell’Ambiente sul programma nazionale di prevenzione dei rifiuti.

“Teniamo presente che il nostro Paese – prosegue Realacci - è avanti sul fronte del recupero industriale dei rifiuti riciclabili, tanto che in questo settore siamo i campioni europei. E anche se facciamo bene nell’industria del riciclo, molta strada si deve ancora fare per la prevenzione della produzione dei rifiuti. Che insieme alla corretta gestione del ciclo dei rifiuti è un pezzo importante dell’economia del futuro. Tanto che secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente, nel 2013 in Europa le buone pratiche messe in campo su questo fronte hanno generato miliardi di euro di valore aggiunto e creato migliaia di posti di lavoro, contribuendo anche a tagliare le emissioni per  38 milioni di tonnellate di CO2”.


Ufficio stampa On. Realacci


sfoglia gennaio        marzo
Sono nato a Sora (FR) il primo maggio 1955 e vivo a Roma. Ho guidato fin dai primi anni Legambiente, di cui sono tuttora presidente onorario. Ho promosso e presiedo Symbola, la Fondazione per le qualità italiane... biografia completa
 
Archivio
Blog letto6860235 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom