.
Annunci online

condividi:

Ecomafia: situazione grave. Introdurre reati ambientali in codice penale

Roma, 17 giugno 2013

“Per combattere l’ecomafia è necessario ricostituire la Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e approvare la legge che introduce i reati contro l’ambiente nel nostro codice penale, due iniziative sulle quali mi sono attivato sin dall’avvio della Legislatura. Dai numeri del rapporto Ecomafia 2013 di Legambiente emergente un allarmante crescita dei reati, fra cui spicca l’aumento dell’incidenza dell’abusivismo edilizio nel mercato delle costruzioni passato dal 9% del 2006 al quasi 17% del 2013. La criminalità ambientale  continua inoltre a prosperare e a diversificare i propri malaffari, arrivando a fatturare circa 16,7 miliardi l’anno. Di fronte a un fenomeno di tale gravità e tali proporzioni è necessario ripristinare la legalità, dire no a nuove sanatorie edilizie e a qualsiasi ammiccamento verso le illegalità”, così Ermete Realacci, presidente Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camere, commentando i dati del Rapporto Ecomafia presentato oggi da Legambiente.


Ufficio stampa On. Realacci




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ecomafia cemento illegale rifiuti abusivismo legambiente


permalink | creato da team_realacci il 17/6/2013 alle 10:53 | Versione per la stampa
sfoglia maggio        luglio
Sono nato a Sora (FR) il primo maggio 1955 e vivo a Roma. Ho guidato fin dai primi anni Legambiente, di cui sono tuttora presidente onorario. Ho promosso e presiedo Symbola, la Fondazione per le qualità italiane... biografia completa
 
Archivio
Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom