.
Annunci online

condividi:

Cinghiali radioattivi: estendere controlli ad altre regioni per valutare reale situazione

Roma 8 marzo 2013
 

L’esponente del Pd annuncia interrogazione ai ministri della Salute e dell’Ambiente


"Il caso dei cinghiali contaminati da Cesio 137 in Valsesia ci ricorda ancora una volta che non esiste il nucleare sicuro. Una volta di più bisogna quindi ringraziare gli italiani, che con il referendum del giugno 2011 hanno fatto uscire definitivamente le centrali atomiche dalla storia del nostro Paese. Oggi è però necessario approfondire gli allarmanti dati emersi dalla Valsesia ed estendere i controlli ad altre regioni e ad altri animali selvatici per valutare l’entità esatta della contaminazione da Cesio 137 nel nostro Paese e i rischi da essa derivanti. A tal fine presenterò un’interrogazione ai ministri della Salute e dell’Ambiente in occasione della prima seduta del Parlamento, il prossimo 15 marzo. Ai ministri interrogati chiederò, inoltre, se i reparti specializzati dei Carabinieri e dei Veterinari di Sanità Pubblica abbiano gli strumenti adeguati e le risorse utili ad un’analisi approfondita per un puntuale monitoraggio della fauna e dell’ambiente” così Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd, annunciando una interrogazione parlamentare in riferimento alle tracce di cesio 137  in 27 cinghiali della Valsesia.

 
Ufficio stampa On. Realacci
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nucleare centrali chernobyl cinghiali cesio 137 interrogazione estendere controlli


permalink | creato da team_realacci il 8/3/2013 alle 12:15 | Versione per la stampa
sfoglia febbraio        aprile
Sono nato a Sora (FR) il primo maggio 1955 e vivo a Roma. Ho guidato fin dai primi anni Legambiente, di cui sono tuttora presidente onorario. Ho promosso e presiedo Symbola, la Fondazione per le qualità italiane... biografia completa
 
Archivio
Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom